Colosseo. Parco riapre dopo 41 giorni, Russo: segnale speranza

Dopo 41 giorni di chiusura dovuta all’emergenza sanitaria, il Parco archeologico del Colosseo riapre finalmente le sue porte al pubblico. Davanti all’ingresso non ci sono ancora le lunghissime file che l’Anfiteatro ci ha abituato a vedere per anni, ma all’interno sono diversi I turisti, anche stranieri, che hanno approfittato di questa prima mattinata di riapertura.

Alle 10.30 il Parco ha inaugurato la sua terza riapertura, dopo quelle della scorsa primavera alla fine del primo lockdown e quella di febbraio 2021, quando il Parco ha riaperto con tanto di concerto organizzato sul palco dell’arena. Questa volta, forse un po’ per scaramanzia, nessun evento accompagna il ritorno alla città e al mondo del monumento più famoso d’Italia, ma tutti qui auspicano che sia la volta definitiva. “È un segnale di speranza. Siamo felicissimi di riaprire dopo 41 giorni di chiusura e speriamo che sia la volta buona”, ha commentato il direttore del Parco, Alfonsina Russo, intervistata dall’agenzia Dire.

“In tutto questo tempo di chiusura abbiamo svolto tutta una serie di attività proprio per riaprire al meglio il Colosseo e il Parco archeologico- ha aggiunto- All’inizio di questa giornata ho visto tanti bambini, e mi ha fatto molto piacere, e anche delle persone anziane, quindi spero che questa apertura possa invogliare innanzitutto i romani a venire a visitare il Parco archeologico del Colosseo perchè è davvero un momento propizio, perchè effettivamente ci sono pochi turisti, anche se oggi vedo anche degli stranieri. Questo fa ben sperare anche per una ripresa dell’economia del turismo, è un piccolo indizio, ma è un segno di ottimismo che dobbiamo infondere a tutti”.

Novità importante decisa dal Governo e riservata alle zone gialle del Paese, questa volta i musei potranno restare aperti, su prenotazione, anche nei weekend. “Saremo aperti sette giorni su sette- così ancora Russo- dalle 10.30 alle 19.15, e siamo molto felici che il fine settimana il Parco possa restare aperto, perchè il weekend, soprattutto per i residenti, c’è la possibilità di poter visitare con più calma l’area archeologica”.

Fonte «Agenzia DIRE»
comunicazione@agenziadire.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.