Bmotion Teatro: Frankenstein, Favola ed Eutopia

Entra nel vivo Bmotion Teatro, la sezione dedicata alla drammaturgia contemporanea a cura di operaestate che venerdì 26 agosto ospita il reading dedicato a Frankenstein di OHT alle 19 al Chiostro del Museo Cvico, lo spettacolo di piccola Compagnia della Magnolia, Favola, alle 20.30 al Teatro Remondini, e in chiusura di serata alle 22 allo spazio di largo Corona, la replica del gioco spettacolo della compagnia svizzera Trickster, Eutopia.

Apre dunque la seconda giornata di Bmotion Teatro il reading di OHT Office for a Human Theatre che presenterà Frankenstein con la regia di Filippo Andreatta, in coproduzione con TPE Teatro Piemonte Europa, Operaestate Festival, Snaporazverein. Per la prima volta, OHT si confronta con un classico della letteratura occidentale: Frankenstein o il moderno Prometeo.

Scritto da un’autrice ancora adolescente, il capolavoro di Mary Shelley anticipa l’ansia climatica contemporanea, dando vita a un nuovo genere letterario: l’orrore di fantascienza. Pubblicato subito dopo la più potente eruzione vulcanica mai registrata dall’umanità, Frankenstein non è solo un’icona contemporanea ma, prima di tutto, una reazione all’anomalia climatica causata dal vulcano Tambora in Indonesia. Per i climatologi, l’eruzione ha provocato l’anno senza estate, a causa delle nebbie sulfuree che oscuravano la stratosfera, abbassavano le temperature, causarono ingenti danni all’agricoltura con conseguente carestia in Europa, Nord America e Asia. Era il 1816 e in quell’atmosfera Mary Shelley scrisse Frankenstein. Sorprendentemente vicino alle sfumature politiche della ricerca di OHT, Frankenstein è un mito in cui i paesaggi esterni si fondono con quelli interiori.

Luoghi inaccessibili come le Alpi e l’Antartide diventano un rifugio anche interiore per il demone che è stato creato, mentre Victor Frankenstein non sembra più avere il controllo di ciò che lo circonda. Inaspettatamente, Frankenstein si rivela uno dei romanzi di formazione più veementi e contemporanei, in cui il mostro apprende e conosce se stesso, il linguaggio e il mondo. Se tradizionalmente è il punto di vista di Victor a prevalere, nel lavoro di OHT è invece il mostro a parlare, e prende la parola attraverso una reading session collettiva, con Filippo Andreatta, Silvia Costa e Stina Fors, per affondare tra le pagine di Mary Shelley e far emergere le linee di ricerca di OHT e gli aspetti del testo esclusi dall’immaginario comune.

Fondato nel 2008 OHT è lo studio di ricerca del regista teatrale e curatore Filippo Andreatta il cui lavoro riflette sul paesaggio, sulla politica personale e sullo spazio pubblico.

A seguire alle 20.30 al Teatro Remondini andrà in scena il primo spettacolo del “Progetto Vulnerabili”, un progetto biennale (2022 al 2024) che indaga il tema dell’umana vulnerabilità rispetto al tempo, all’ingiustizia, alle apparenze. All’interno del progetto la Piccola Compagnia della Magnolia ha curato una trilogia tra cui lo spettacolo Favola, con i testi di Fabrizio Sinisi e la regia di Giorgia Cerruti, che sarà in scena e in video insieme a Davide Giglio.

Favola è una storia che vede una coppia, G. e D., chiusa in una stanza, da cui non è possibile uscire per qualche ragione che non viene mai nominata. Su un palco che accoglie la loro casa e la loro quotidianità, i protagonisti ripercorrono ogni giorno le favole del proprio dolore, i racconti di ciò che li ha segnati, tra il sonno e la veglia. In questo spa­zio claustrofobico, dominato solo da un grande schermo, si svolge una narrazione tra il teatro d’attore e la video-arte, in cui vengono inscenati tre racconti.

Ogni episodio è un punto di snodo della modernità occidentale, un momento chiave per capire la contraddittoria identità del presente. Riprendendo liberamente il Calderòn di Pier Paolo Pasolini, cui lo spettacolo è idealmente dedicato, la Piccola Compagnia della Magnolia crea cosi una “tragedia da camera contemporanea”.

La serata si conclude alle 22 presso lo Spazio IAT con la replica di Eutopia della compagnia svizzera Trickster, che mette in scena un gioco spettacolo per un numero limitato di spettatori/ giocatori.

Tutto il programma su: www.operaestate.it

Biglietti: biglietto unico 5€ per ciascun spettacolo, abbonamento 40€. Info: Biglietteria 0424524214.

Ufficio Stampa Operaestate – comunicazionefestival@comune.bassano.vi.it – 0424519804

Studio ESSECI, Sergio Campagnolo

Ref. Roberta Barbaro; roberta@studioesseci.net

Tel. 049 663466

Studio Pierrepi, Alessandra Canella

348-3423647

canella@studiopierrepi.it; www.studiopierrepi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.