“Mimmo Rotella – Dallo Strappo all’immagine” a Moresco (FM)

La mostra “Mimmo Rotella. Dallo strappo all’immagine”, promossa dall’Assessorato alla Cultura di Moresco e patrocinata dalla Provincia di Fermo in collaborazione con la Galleria Fabjbasaglia e Giusti Brokerage Art&Economy, crea l’opportunità di vedere le opere di un maestro riconosciuto del panorama nazionale e internazionale che dal dopoguerra ad oggi ha sviluppato una ricerca tesa ad indagare le possibilità poetiche dell’immagine riprodotta.

L’esposizione pone l’attenzione sui lavori degli anni ’90, per alcuni aspetti vicini ai soggetti trattati negli anni ’50 – dedicati al cinema e ai suoi miti – ma anche lontani perché presenta quadri con temi nuovi come fiori e frutta e corpi di modelli della pubblicità, quasi suggerendo una interpretazione contemporanea dei tradizionali generi pittorici della natura morta e del nudo. La chiave di lettura è, per i lavori più storici come per quelli attuali, la tecnica: il decollage che ha portato Rotella a staccare dal muro manifesti pubblicitari per ricomporli su supporti diversi – tele, pannelli metallici – lasciando intravedere gli strappi e la sovrapposizione delle immagini sui muri nel tempo.

Oggi il modus operandi è sempre lo stesso ma la natura più gioiosa ed edonistica delle immagini scelte induce a leggere quegli strappi come delle pennellate che rendono il quadro più omogeneo, meno stratificato e complesso. In passato i processi meccanici che hanno sempre sottinteso al suo lavoro costituivano un contrappunto rilevante alla illusorietà dell’immagine, mettendo in guardia dalla sua natura ammaliatrice per indurre piuttosto a mettere in moto l’attività critica dello spettatore. Oggi, invece, manifestano una più leggera e positiva opportunità espressiva, facendo sì che immagini a cui siamo ormai assuefatti assumano per noi un nuovo senso e una nuova attenzione.

Rotella, esponente del Nouveau Realisme e fondatore della Mec Art, continua a cercare in quei processi, che avevano fatto urlare alla morte dell’arte e alla perdita della sua aura, possibilità di nuove fascinazioni e di sempre maggiore coinvolgimento visivo e concettuale. La sua ricerca invece di aprirsi a scenari apocalittici, continua a cercare nei meccanismi produttivi e riproduttivi l’aspetto ammaliante, forse anche un po’ ludico, puntando sempre al peso della casualità dello strappo e della trasformazione delle immagini come possibilità rigenerative dell’arte … e anche di chi la guarda.

Moresco dal 23 giugno al 22 luglio 2012
Mimmo Rotella- Dallo Strappo all’immagine
TOMAV – TORRE DI MORESCO CENTRO ARTI VISIVE
Piazza Castello (63010)
orario: da venerdi a domenica 17.00 – 20.00
biglietti: free admittance
INFO: tel. 0734/259983 – www.comune.moresco.fm.it
tomav@libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.