Rassegna di cinema all’aperto Fulcis Open Air 2022 a Belluno

Ritorna Open Air evento promosso dalla Fondazione Teatri delle Dolomiti in collaborazione con il Cinema Italia di Belluno. Quest’anno la rassegna di cinema all’aperto, nella Corte di Palazzo Fulcis, presenta 4 film, scelti all’interno dell’archivio di Il Cinema Ritrovato e di Cineteca Bologna.

Mercoledì 27 luglio 2022
Metropolis di Fritz Lang, capolavoro del cinema espressionista degli anni ’20 sarà il primo film
della rassegna. Riconosciuto come modello di molti soggetti di fantascienza moderna, è la
rappresentazione visionaria di un mondo distopico (2026), diviso in due dalla diseguaglianza
economica. Opera d’arte che richiama simbolismi biblici e mitologici, celebre anche per le
scenografie e la potenza del ritmo.
DURATA: 107 MINUTI
FILM MUTO CON COLONNE SONORE

Martedì 2 agosto 2022
Il secondo è Hiroshima mon amour di Alain Resnais (1959) , uno dei più importanti film della
Nouvelle Vague, una riflessione sul dolore e sull’amore, sulla memoria e l’immaginazione,
ambientato in una Hiroshima ancora segnata dalle ferite della guerra. Dice Resnais: “la
contraddizione consiste nel fatto che abbiamo il dovere e la volontà di ricordarci ma siamo
obbligati a dimenticare per vivere”. Il regista si avvalse per la sceneggiatura della collaborazione di
Marguerite Duras.
DURATA: 90 MINUTI
LINGUA: FRANCESE, INGLESE, GIAPPONESE
SOTTOTITOLI: ITALIANO

Mercoledì 10 agosto 2022
Fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard (1960), terzo film della rassegna, opera anarchica e
radicale, rompe le regole del cinema classico specie riguardo al tradizionale rapporto di
identificazione dello spettatore con i personaggi cinematografici. Esplicita la volontà di liberarsi da
costrizioni stilistiche e narrative. E’ considerato il manifesto della Nouvelle Vague.
Un’accattivante non-storia fondata sull’ “incontenibile umoralità dell’amore”, interpretato da Jeann
Paul Belmondo e Jean Seberg.
DURATA: 90 MINUTI
LINGUA: FRANCESE, INGLESE
SOTTOTITOLI: ITALIANO

Mercoledì 17 agosto 2022
Il vento fa il suo giro di Giorgio Diritti (2005), quarto e ultimo film, ambientato nelle piemontese
Val Maira ai confini con la Francia è il racconto di un percorso impossibile di integrazione,
attraverso la storia di un uomo e la sua famiglia che si stabiliscono presso un paesino di montagna,
ancorato alle proprie tradizioni secolari. Film che incanta per la forza e l’onestà e anche per gli
interrogativi che pone allo spettatore sulle difficoltà di comunicazione tra valori diversi e non
condivisibili.
DURATA: 90 MINUTI
LINGUA: ITALIANO, OCCITANO, FRANCESE
SOTTOTITOLI: ITALIANO

La Cineteca di Bologna è un luogo di conservazione archivistica, di restauro e di diffusione della cultura cinematografica. La collaborazione con questa importante realtà, grazie a Manuele Sangalli del Cinema Italia, permette alla Fondazione delle Dolomiti di costruire un percorso originale, il cui filo conduttore è la ricerca di senso ( e non senso) dell’esistenza nella finzione e nella realtà, proponendo film che nel loro genere hanno segnato la storia del Cinema

I primi tre titoli (Metropolis – Hiroshima mon amour – Fino all’ultimo respiro ) sono in collaborazione con il CINEMA RITROVATO, mentre l’ultimo titolo (Il vento fa il suo giro ) è in collaborazione con la CINETECA DI BOLOGNA.

ORARI:
– ORE 20.00 / APERTURA BIGLIETTERIA
– ORE 21.00 / PRESENTAZIONE POSSESSORI ABBONAMENTI
– ORE 21.30 / INIZIO PROIEZIONE FILM

BIGLIETTI:
– intero: 7 euro – ABBONAMENTO: 22 euro
– ridotto Fulcis Friend Card: 5 euro – ABBONAMENTO Fulcis Friend Card: 16 euro
– Biglietteria presso il MUSEO CIVICO DI BELLUNO – PALAZZO FULCIS – Via Roma 28, Belluno Tel. 0437 913323

– In caso di maltempo la proiezione avrà luogo presso il Teatro Comunale di Belluno
– in collaborazione con Cinema Italia
– visti i posti non numerati e si consiglia di presentarsi per l’acquisto entro le ore 21.00
– i biglietti possono essere acquistati dalle ore 20.00 della giornata della pro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.